DETTAGLIO NEWS


L'AON Open Challenger festeggia il decennale
19/07/2012


 
La conferenza stampa di presentazione

L’Aon Open Challenger 2012, intitolato dal 2009 a Giorgio Messina, coincide con il decennale del torneo di Valletta Cambiaso, ormai consolidatosi come il secondo torneo italiano, superato solo dagli Internazionali del Foro Italico. Lo scorso anno l’ ATP manifestò ufficialmente, con una lettera inviata il 14 settembre 2011 al direttore del torneo, Giorgio Tarantola, come l’AON Challenger abbia suscitato commenti entusiastici da parte dei giocatori, sia per quanto riguarda i campi di gioco che per ciò che riguarda la macchina organizzativa nel suo complesso.

Festeggiare l’anniversario di un simile appuntamento tennistico rappresenta il raggiungimento di un obiettivo importante non solo per il pianeta racchetta genovese ma anche per l’intero movimento sportivo e per tutta la città. A tale proposito vale la pena ricordare che l’IP Cup divenuta nel 1990 tappa da 250.000 dollari del circuito ATP, si disputò dal 1987 al 1993, fermandosi alla settima edizione. Il circuito Challenger 2012 è stato d’altronde falcidiato da cancellazioni e diminuzioni di montepremi. A livello di Challenger italiani 85milaeuro, quest’anno il calendario perde due appuntamenti di prestigio: il torneo dello Sporting Stampa Torino ed il Challenger di Manerbio, mentre Orbetello si disputerà con montepremi ridotto a 30mila euro.

Il decennale dell’AON Open Challenger assume in quest’ottica un significato ancora più importante, un traguardo in controtendenza raggiunto grazie soprattutto all’appoggio del Gruppo Messina e del main sponsor AON, gruppo leader nel mondo del brokeraggio assicurativo e riassicurativo, quotato in borsa con un fatturato consolidato di 11,3 miliardi di Dollari, sponsor dalla stagione calcistica 2010/2011 del grande Manchester United.

Dal punto di vista tecnico è presto per fare nomi, ma il fatto che il play off di Coppa Davis contro il Cile si disputi a Napoli il fine settimana successivo a quello della finale del torneo di Valletta Cambiaso dovrebbe favorire la presenza a Genova degli Azzurri.
Anche lo slittamento del Challenger di Siviglia potrebbe rendere ancora più qualificato il seeding del quarto Memorial Giorgio Messina. Vale in ogni caso la pena ricordare che nel 2011 a Siviglia testa di serie numero uno fu lo spagnolo Pere Riba, reduce dalla sconfitta al primo turno a New York, ai tempi numero 70 del mondo, ranking decisamente inferiore al numero 45 ATP vantato da Pablo Andujar, primo giocatore del seeding di Valletta. A garanzia della qualità assoluta del tabellone dell’AON Open Challenger, bisogna anche registrare come lo scorso anno furono ben 5 i top 100 ATP iscritti nella entry list pubblicata il 16 agosto, oltre ai numeri 101 e 102 del ranking mondiale.
Il valore dell’AON Challenger Memorial Giorgio Messina è anche comprovato dai quattro giorni di diretta, dal giovedì alla domenica, che il canale Supertennis garantirà per coprire l’avvenimento, con visibilità sia in chiaro sul canale 224 di sky che su digitale terrestre.

“La nostra famiglia e la nostra azienda appoggiano, ogni anno con sempre maggior entusiasmo, il Memorial Giorgio Messina - dichiara Stefano Messina A.D. della Ignazio Messina & C. Spa - che si è ormai affermato come la manifestazione sportiva genovese di fine estate che porta nella nostra città il grande tennis internazionale grazie in particolare al contributo di tanti appassionati dell'organizzazione e del supporto degli sponsor. Auspichiamo, nel corso degli anni, una sempre maggior partecipazione da parte di tutta la città”.

“Sono onorato che anche nel 2012, nonostante la situazione economica non favorevole, Aon sostenga l’Aon Open Challenger Memorial Giorgio Messina” dice Carlo Clavarino, Country Manager Gruppo Aon in Italia. “Per Aon questo evento ha un valore che va al di là della semplice sponsorizzazione. Il tennis aiuta a misurare e sfidare se stessi concentrandosi sulla riuscita della “partita che è anche e soprattutto quella della vita. Anche per noi di Aon la sfida è quotidiana nel caratterizzare con i nostri valori e la professionalità i servizi che offriamo alla clientela. Infine – aggiunge Clavarino - non posso non menzionare Genova, mia città natale, alla quale va il mio riconoscimento per la sempre calorosa accoglienza dimostrata all’Aon Open Challenger”.

“Siamo ansiosi di vivere la decima edizione per vedere realizzati quegli obiettivi di ulteriore miglioramento del livello della manifestazione.– dichiara Mauro Iguera, Presidente del Comitato Organizzatore - La piena soddisfazione si potrà estrinsecare solo quando vedremo ai nastri di partenza molti tra i giocatori più prestigiosi del ranking mondiale con i quali abbiamo tessuto relazioni in tutti questi anni ed intensificato i contatti degli ultimi mesi. Con un po’ di fortuna credo ci siano i presupposti per un’edizione indimenticabile”.

Anche quest’anno direttore del torneo è Giorgio Tarantola, ex arbitro internazionale ATP (ha arbitrato tutti i tornei degli Slam e la Coppa Davis). Per anni direttore del Challenger di Lugano da 100,000 dollari, premiato nel 2004 come miglior torneo al mondo della categoria e del Challenger di Alessandria. E’ tutt’ora direttore dei tornei Challenger di Monza e Genova. “Siamo giunti all'edizione del decennale partendo da un piccolo Challenger ATP da 30.000 Dollari – dice Tarantola - arrivando a quello che per strutture, organizzazione, montepremi e giocatori è considerato il secondo evento tennistico italiano, secondo solo agli Internazionali di Roma. Abbiamo visto come più del 50% delle ultime entry list erano composte da tennisti che nello stesso anno avevano giocato tutti i tornei del Grande Slam. Sorrido ripensando al primo incontro con Mauro Iguera per discutere un mio possibile rapporto di collaborazione con il torneo, quando a cena, un po' per rompere il ghiaccio, Mauro mi parlava della squadra del Park dove tra gli altri aveva ingaggiato un giocatore danese di cui disse "è molto educato e non gioca male il doppio.." questo danese, Frederik Nielsen, l'anno scorso tra i tanti concorrenti del Challenger di Genova, ora, dieci mesi dopo, è il campione di doppio di Wimbledon!”
C'è molta attesa sui nomi di chi si contenderà il 10 Aon Open Challenger. L'entry list ufficiale verrà diramata dall'ATP il 14 agosto e fino ad allora tante cose posso cambiare in base allo stato di forma e ai risultati nei tornei delle prossime settimane. Ma già ora hanno manifestato la loro intenzione a giocare Andreas Seppi,Fabio Fognini e Tommy Robredo”.


 
Share on Facebook  Share on Delicious
Torna all'area News

Copyright © e-tennis.net 2011. All Rights Reserved.
Credits | Privacy Policy | Terms and Conditions